ACCUSCULPT E ACCULIFT: nuove metodiche di chirurgia laser mininvasiva

Queste nuove metodiche di chirurgia laser mininvasiva approvata dall’FDA – Food and Drug Adiministration – americana utilizzano un laser super selettivo che scioglie gli accumuli di grasso, ridisegna i contorni del viso e del corpo e consente di ottenere risultati immediati delle aree trattate associati ad un lifting della pelle.

Rispetto alla liposuzione tradizionale, nella quale il grasso viene frammentato e poi aspirato meccanicamente con cannule di medio e grosso calibro, Accusculpt ed Acculift consentono di sciogliere il grasso e di aspirarlo in modo atraumatico con microcannule del diametro di 1-2 millimetri.
Rispetto ad altri laser, il Laser 1444 mn produce aumenti moderati di calore, in tal modo annullando il rischio di ustioni e consentendo la coagulazione di piccoli vasi, con riduzione di sanguinamento ed ecchimosi (lividi).

La lipolisi Accusculpt è indicata per rimuovere l’eccesso di grasso da glutei, fianchi, cosce, addome e nelle aree, quali l’interno delle cosce, ove con altre metodiche sono difficilmente perseguibili risultati esteticamente soddisfacenti.
Con il laser Nd-Yag 1444 nm si ottiene infatti un effetto tonificante sui tessuti trattati in virtù della retrazione cutanea e della stimolazione della sintesi di nuovo collagene.

L’utilizzo del laser Nd-Yag 1444 nm nel volto – Acculift - avviene mediante una fibra ottica del diametro di 1 mm e consente di correggere in modo assai preciso gli accumuli adiposi causa d’inestetismi quali il solco naso genieno – l’antiestetica piega tra il naso e la guancia - il solco labio-mentoniero - cosidetta “marionetta” - il contorno mandibolare – cosiddette “guance da bulldog” - il doppio mento.

Un’ulteriore applicazione del laser Nd-Yag 1444 nm è rappresentata dal trattamento risolutivo dell’iperidrosi ascellare mediante un’unica seduta eseguibile in anestesia locale. Attraverso minime incisioni a livello dei cavi ascellari è infatti possibile procedere alla fotocaugulazione delle ghiandole sudoripare.