prowave 770laser nd-yag 1064Il laser a luce pulsata Prowave 770nme il laser Neodimio-Yag 1064nm ad impulso lungo vengono utilizzati con successo per la depilazione definitiva grazie alla loro selettività di azione. L’energia luminosa del laser, assorbita in modo selettivo dalla melanina contenuta nel bulbo pilifero, si trasforma in energia termica, provocando l’esplosione delle cellule del bulbo pilifero e la sua distruzione.

Fase del ciclo vitale del pelo

La sensibilità di ogni pelo al danno selettivo prodotto dalla radiazione laser varia secondo la fase del ciclo vitale in cui esso si trova: anagen (crescita), catagen (regressione) e telogen (fase di riposo).
Per ottenere una depilazione definitiva ogni pelo dovrebbe essere preferenzialmente irradiato nella fase anagen. Poiché i peli di una determinata regione (volto, ascella, dorso e arti inferiori) non presentano una sincronia del loro ciclo vitale, sarà necessario ripetere più volte il trattamento ad intervalli di circa 4-8 settimane. A seguito di ciascuna seduta di trattamento sarà eliminato definitivamente il 15-20% circa dei peli della regione trattata.

Colore del pelo

La procedura è tanto più efficace quanto maggiore è la differenza fra la pigmentazione del pelo e quella della cute circostante: peli scuri (colorito bruno o nero) rispondono quindi meglio al trattamento rispetto a quelli chiari (biondi) per i quali esso risulta poco efficace.

La tecnologia del sistema Prowave 770 permette di modificare i parametri dell’energia trasmessa, così da poter adattare il trattamento ai diversi tipi di carnagione, anche se i migliori candidati sono i soggetti con carnagione chiara. Per i soggetti di carnagione più scura l’apparecchiatura di scelta, più sicura ed efficace è il laser Nd-Yag 1064 nm ad impulso lungo. Il trattamento è controindicato in soggetti di colore o di carnagione molto scura, ed è altresì controindicato in pazienti sottoposti di recente (fino a 30 giorni prima) ad esposizione solare o a lampade abbronzanti.

Preparazione

  • I peli delle aree da trattare debbono sporgere 2-3 mm dalla superficie cutanea: la rasatura, il taglio con forbici o l’utilizzo di creme depilatorie permettono una corretta preparazione.
  • I peli delle aree da trattare non devono essere strappati nelle 6-8 settimane precedenti la seduta.
  • Le zone da trattare non devono essere abbronzate.

Possibili complicazioni

  • Eritema (colorito rosa acceso della pelle): possibile conseguenza nel trattamento di zone estese; regredisce spontaneamente nel corso di alcune settimane. Può persistere più a lungo a causa dell’esposizione a temperature eccessivamente calde o fredde.
  • Discromie: minuscole iperpigmentazioni e/o ipopigmentazioni: l’utilizzo di creme a filtro solare rende minimo il rischio di tale evenienza.
  • Formazione di minuscole bollicine: la guarigione è spontanea nel corso di 3-5 giorni.
  • Crescita paradossa di peli nelle zone limitrofe: evenienza rara, descritta in pochi casi in letteratura; consiste nella crescita di sottili peli scuri nelle aree cutanee adiacenti a quelle sottoposte al trattamento.

foto prima dopo